Contattaci: +39 0433 44445

Approfondimenti

NEL MISTERO DI VAN GOGH


NEL MISTERO DI VAN GOGH
RIVELAZIONI E CINEMA

14 OTTOBRE 2020 - ORE 20:00 | CINEMA VISIONARIO - Udine
Prevendita disponibile on line sul sito del Visionario: https://bit.ly/VanGogh_Visio
15 OTTOBRE 2020 - ORE 20:00 | CINEMA DAVID - Tolmezzo
Prevendita scrivendo a info@cinemadavidtolmezzo.it

Don Alessio Geretti, curatore delle mostre di Illegio e Claudio Falcucci, ingegnere nucleare, sveleranno al pubblico i risultati delle indagini scientifiche eseguite sul dipinto "Le Restaurant de la Sirène à Asnièrs" ora in mostra ad Illegio.

Riemerso improvvisamente dall’ombra Le Restaurant de la Sirène à Asnièrs - dipinto totalmente inedito ed esposto ad Illegio in occasione della mostra “Nulla è perduto” - rivela al grande pubblico e agli studiosi i segreti della sua genesi. In una delicata aura di luce e silenzio, Le Restaurant de la Sirène à Asnièrs poteva essere un soggetto perfetto per la gran parte degli Impressionisti: il locale con la gente appoggiata alle ringhiere dei terrazzi, una strada, tavolini all’aperto, qualche avventore che beve... vi sono tutte le premesse per un’atmosfera carica della joie de vivre che in quella stagione artistica portava a dipingere balli, banchetti, vicoli animati, pittura del frastuono allegro di una società brillante e spensierata.

Vicinissimo alla versione attribuita con certezza a Vincent Van Gogh – ed oggi esposta al Musée d’Orsay –, il quadro esposto ad Illegio esigeva una rigorosa indagine sulla sua realizzazione. Per questo il piano scientifico della mostra “Nulla è perduto” comprendeva la scelta di sottoporre quella tela ad un’importante campagna di indagini diagnostiche applicate all’arte, nel tentativo di svelarne i segreti: macrofotografie – utili allo studio del dettaglio delle miscele pittoriche, del tipo di pennellata e dello spessore degli strati pittorici –, fotografie a luce radente e fluorescenze ai raggi UV – necessarie a discriminare i diversi materiali usati –, riflettografie ad infrarossi – fondamentali per studiare un eventuale disegno preparatorio o ipotetici ripensamenti –, foto ai raggi x – adatti a cogliere ulteriori dettagli nascosti… –, radiodatazioni al C14 del telaio originale. L’opera era stata sottoposta a questa serie di analisi appena inaugurata la mostra, dunque agli inizi del mese di luglio; ora ci troviamo finalmente di fronte agli esiti di tutte queste indagini, alla lettura critica dei dati, all’approfondimento del contesto storico nel quale il dipinto indagato può aver preso forma: alla luce dei risultati, è possibile indicare quale rapporto c’è tra il Van Gogh ora esposto al Musée d’Orsay e il quadro esposto nella mostra di Illegio.

A svelare i risultati degli studi il 14 ottobre alle ore 20.00 presso il Visionario di Udine e il 15 ottobre alle 20.oo presso il Cinema David di Tolmezzo saranno don Alessio Geretti curatore delle mostre di Illegio e Claudio Falcucci, ingegnere nucleare che ha condotto le analisi diagnostiche. L’intervento di don Geretti e dell’ing. Falcucci sarà seguito al Visionario dalla proiezione del film LOVING VINCENT, insignito del Premio del Pubblico al Festival d’Annecy 2017 e forte di nomination prestigiose come al Premio Oscar 2018 e al Golden Globe 2018, primo lungometraggio interamente dipinto su tela!

Ispirandosi al suo ultimo scritto, quello in cui Van Gogh annotava “Non possiamo che parlare con i nostri dipinti”, LOVING VINCENT sceglie di partire dalle parole dell’artista, lasciando che siano i dipinti stessi a raccontare la storia e l’opera del pittore olandese. Realizzato elaborando i quadri del pittore, mescolando con maestria arte, tecnologia e pittura, il film è composto da migliaia di immagini create nello stile di Vincent van Gogh e realizzate da un team di 125 artisti che hanno lavorato anni per arrivare a un risultato così unico e originale, dipingendo fotogramma per fotogramma in modo da animare i quadri stessi del grande pittore. Attraversando 120 quadri che prendono vita davanti agli occhi e attingendo a 800 documenti epistolari, la vita dell’artista olandese va in scena fino alla sua morte misteriosa, avvenuta a soli 37 anni ed archiviata impropriamente come un caso di suicidio.

NEL MISTERO DI VAN GOGH